Poetiamo – Consapevolezza e poesia

Poeti☀️Amo

Consapevolezza e poesia

La Bellezza, la condivisione e il silenzio
salveranno il mondo.

“Guarda.
Sei in un posto qualsiasi
e ti raggiunge un albero,
un muro, un viso.
Il centro del mondo è poco lontano da te,
è nelle vie secondarie, ti aspetta
dove non ti aspetti niente.
Prendi una forchetta in mano
come se fosse un momento solenne,
porta il bicchiere alla bocca
come se fosse un gesto sacro,
sorridi perché ogni sorriso apre
una piega nel muro della vecchiaia.
Fai cose coraggiose,
ti fa ringiovanire.
E poi torna, pensa che sei contento,
fallo sapere ai tuoi errori
che li vedi, li riconosci
e li guardi con clemenza.
Guarda dentro e guarda fuori,
guardare è una culla.”


Franco Arminio




Illustrazione di Fabio Delvo’
@fabiodelvo.illustrations

Poetiamo è un piccolo spazio  di pratica e di ascolto a partire dalla lettura di una poesia o di un piccolo spunto letterario.
Un’occasione per  respirare insieme per lasciarci respirare dalla vita che ci abita e ispirare dalle note, dalle immagini evocative e dalle parole che sorgeranno dagli spunti poetici condivisi di volta in volta.

DATA E LUOGO

Lo spazio offre sia la possibilità di accedere su piattaforma Zoom il primo Lunedì di ogni mese dalle 19 alle 19.30, a partire da Febbraio 2021, e/o la possibilità di ricevere un audio con lo spunto poetico scelto di volta in volta e una meditazione, che verrà  inviata sul gruppo whatsapp PoetiAmo” tutti i Lunedì a partire dal primo Febbraio 2021.

Lo spazio è pensato a ideale sostegno degli operatori della salute, della relazione, ma anche a tutti gli amanti della poesia e della pratica interiore.

NOTE

  • Si può accedere in qualunque momento
  • Si può accedere al servizio completo (zoom + registrazioni), ma anche solo alle registrazioni audio
  • Le registrazioni audio di circa 20 min verranno inviate su un gruppo whatsapp silenzioso dove non è possibile interagire e verranno inviate tra lunedì e martedì e per un ascolto o riascolto idealmente congiunto e condiviso dell’audio pratica il martedìalle 19:00.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE

Gli incontri sono a partecipazione gratuita ma è richiesta in ogni caso la tessera associativa che ha validità annuale e che permette all’associazione  di offrire, sostenere  e diffondere una cultura della consapevolezza. Per maggiori informazioni sulla tessera associativa clicca qui.

Associazione Sati Mudita
Iban: IT83 E030 6909 6061 0000 0128 339
Bic BCITITMM
Causale: Cognome e Nome – Poetiamo – Consapevolezza e poesia

TRAINERS

Simona Moltoni è una Psicologa e Psicoterapeuta ad orientamento Sistemico Relazionale e Contemplativo. Training di coppia ad orientamento gestalt. Foundation Course in Core Process Psychotherapy Karuna Institute England. Formazione avanzata in Core Process Psychotherapy con Anne Overzee e Deirdre Gordon, docenti del Karuna Institute. Formazione nella pratica del Kum Nye – Karuna Institute (England) e Italia. Docente di seminari e del Training di mindfulness in relazione. È co-fondatrice dell’Associazione Sati Mudita ed e’  co-responsabile del Centro Mindfulness Milano. Svolge attività di Consulenza, Psicoterapia individuale e di coppia e percorsi di evoluzione personale, genitoriale e professionale. E’ praticante nella tradizione vipassana e di Thich Nhat Hanh.

Giovanna Santoro Mindfulness counselor transpersonale ad approccio integrato formatasi c/o Mindfulness Project a Pomaia. Training in: Ipnosi Eriksoniana e Mindfulness con Paolo Testa, Kum Nye con Maura Sills, Mindfulness in Relazione approccio Core Process. Formazione avanzata e continua in Core Process con Anne Overzee e Deirdre Gordon, docenti del Karuna Institute (UK). Frequenta attualmente il Master in Pratiche contemplative con Anne Overzee. Conduce dal 2013 percorsi di Mindfulness in individuale e di gruppo anche con approccio integrato. Nel 2013, dopo diverse co-conduzioni di Mindfulness integrata alla Drammaterapia, Musicoterapia e Scrittura creativa, ha partecipato con La Porta Socchiusa al 3° Meeting di Drammaterapia con il progetto “Attraversare il blu con la poesia” e nel 2014 al 4° Festival della Letteratura di Milano con “The white experience”. È membro dell’equipe dell’Associazione Sati Mudita e responsabile organizzativo del Centro Mindfulness Milano. E’ nel progetto di ricerca MYND & CO della clinica Mangiagalli, dedicato alla gravidanza. Traduttrice nei ritiri di meditazione di James Low, David Brazier, Ajahn Sucitto.

PER PARTECIPARE
Per maggiori informazioni e dettagli contattare segreteria@satimudita.com
Fill out my online form.

Trattamento dei dati personali

“Le radici del mio vecchio albero sono sane. Così alla mia età spuntano foglie verdi e fiori ancora profumati. E’ una primavera continua”

Alda Merini




Illustrazione di Fabio Delvo’
@fabiodelvo.illustrations

Certo che fa male, quando i boccioli si rompono. 
Perché dovrebbe altrimenti esitare la primavera? 
Perché tutta la nostra bruciante nostalgia dovrebbe rimanere avvinta nel gelido pallore amaro? 
Involucro fu il bocciolo, tutto l’inverno. 
Cosa di nuovo ora consuma e spinge? 
Certo che fa male, quando i boccioli si rompono, 
male a ciò che cresce male a ciò che racchiude.


Certo che è difficile quando le gocce cadono. Tremano d’inquietudine pesanti, stanno sospese 
si aggrappano al piccolo ramo, si gonfiano, scivolano
il peso le trascina e provano ad aggrapparsi. Difficile essere incerti, timorosi e divisi, difficile sentire il profondo che trae, che chiama 
e lì restare ancora e tremare soltanto 
difficile voler stare 
e volere cadere. 


Allora, quando più niente aiuta 
si rompono esultando i boccioli dell’albero, allora, quando il timore non più trattiene, cadono scintillando le gocce dal piccolo ramo, dimenticano la vecchia paura del nuovo dimenticano l’apprensione del viaggio – conoscono in un attimo la più grande serenità riposano in quella fiducia 
che crea il mondo.”


Karin Boye




Illustrazione di Fabio Delvo’
@fabiodelvo.illustrations

“La speranza è quella cosa piumata
che si posa sull’anima
canta melodie senza parole
e non smette mai.”

Emily Dickinson




Illustrazione di Fabio Delvo’
@fabiodelvo.illustrations

“Io abito la Possibilità
Una casa piu’ bella della prosa
piu’ ricca di finestre
superbe le sue porte


E’ fatta di stanze simili a cedri
che lo sguardo non possiede
Come tetto infinito
ha la volta del cielo


La visitano ospiti squisiti
La mia sola occupazione
spalancare le mani sottili
per accogliervi il Paradiso”

Emily Dickinson




Illustrazione di Fabio Delvo’
@fabiodelvo.illustrations

“Benedetti siano gli istanti, i millimetri, e le ombre delle piccole cose.”

Fernando Pessoa




Illustrazione di Fabio Delvo’
@fabiodelvo.illustrations


“¿Mi corazón se ha dormido?No; mi corazón no duerme.
Está despierto, despierto.
Ni duerme ni sueña; mira,
los claros ojos abiertos,
señas lejanas y escucha
a orillas del gran silencio.


Si è addormentato il mio cuore?
No, che non dorme il mio cuore.
È ben desto il cuore, è desto.
Non dorme né sogna: guarda,
i limpidi occhi aperti,
segni lontani e ascolta
in riva al grande silenzio.”

Antonio Machado




Illustrazione di Fabio Delvo’
@fabiodelvo.illustrations


“Il mondo fa paura ma in esso nuotano ancora – in un immenso acquario – betulle, volpi, torrenti di fiori, strade di campagna e case di legno e, ancora, i concerti di Brahms e i valzer di Chopin.”

Jarosław Iwaszkiewicz




Illustrazione di Fabio Delvo’
@fabiodelvo.illustrations


“Passano gli anni, passano i sogni, passa anche la giovinezza.
Il cuore del mondo sotto il peso delle sue guerre si spezza.
Tutto è cambiato, tranne, verso est,
La fedele bellezza delle stelle.”

Sara Teasdale




Illustrazione di Fabio Delvo’
@fabiodelvo.illustrations


«Ho bisogno di alleggerire le spalle.
Perché è da troppo tempo che sono cariche di pesi che non ho voluto e non ho chiesto.
E poi sotto ci sono le mie ali.
Ci sono io, che ho bisogno di volare.»

Alda Merini




Illustrazione di Fabio Delvo’
@fabiodelvo.illustrations


“Eppure, in un momento di abbandono,
io mi ritrovo sul petto nudo della vita
e le sue braccia mi circondano così dolci e protettive, e il battito del suo cuore non so ancora descriverlo:
così lento e regolare e così dolce,
quasi smorzato, ma così fedele,
come se non dovesse arrestarsi mai,
e anche così buono e misericordioso.
Io sento la vita in questo modo”.

Etty Hillesum




Illustrazione di Fabio Delvo’
@fabiodelvo.illustrations